L’accordo fra Yahoo e Verizon è in forte ritardo, ma prima o poi verrà portato a compimento. Sicuramente passerà alla storia come uno degli affari più travagliati, perché la scoperta di due data breach che hanno compromesso Yahoo e oltre un miliardo e mezzo di suoi utenti non ha fatto altro che creare tensione, infondere perplessità e dilatare i tempi della trattativa.

Eppure l’accordo con il quale Verizon si aggiudicherà gli asset online di Yahoo verrà chiuso ugualmente, anzi, secondo una nuova ondata di informazioni dovrebbe ricevere l’ok definitivo nel secondo trimestre dell’anno (di conseguenza tra marzo e giugno).

Verizon acquista YahooL’intesa insomma non collasserà. Verizon ha messo sul piatto 4.8 miliardi di dollari per aggiudicarsi il sito internet di Yahoo, e pur avendo la possibilità – e in un certo senso anche il diritto – di chiedere uno sconto in forza dello scandalo dei cyber breach, non sembra che si sia voluto giocare questa carta.

Ma cosa cambierà dopo l’avvenuta acquisizione? Molto semplicemente Verizon prenderà il controllo del sito internet di Yahoo, mentre quello che rimarrà in vita del colosso di Marissa Mayer verrà trasformato in una holding company chiamata Altaba. In questa nuova realtà non ci saranno né l’attuale CEO Mayer, e tanto meno uno dei co-fondatori di Yahoo, David Filo: a presiedere il tutto sarà Eric Brandt, che andrà a sostituire la figura di Maynard Webb.

Alberto Mengora