Dopo aver strizzato l’occhio alle dirette streaming – seguendo un percorso già inaugurato da Facebook – ora per Twitter è giunta l’ora di fare qualcosa di più. Stando all’indiscrezione diffusa da The Verge, a partire dal 19 settembre il social network volterà pagina segnando un momento molto importante della sua storia: l’eliminazione del limite dei 140 caratteri.

Da quanto si apprende, sembra che il social network abbia finalmente deciso di togliere di torno quello che è sempre stato considerato un parametro troppo rigido. Pare inoltre che nei tweet non verranno conteggiati foto, video, Gif, sondaggi e contenuti multimediali vari; e anche gli utenti che risponderanno a un altro tweet non avranno di che temere: dal conteggio del loro post, infatti, rimarranno fuori i caratteri “occupati” dal nome dell’utente retwittato.

Questa rivoluzione, però, dovrebbe essere un po’ “soft”. Non è ancora stato chiarito, ma l’ipotesi ritenuta più credibile è che l’eliminazione di questo tetto massimo dei caratteri troverà comunque un altro tipo di limite. In pratica, l’abolizione della regola dei famosi 140 caratteri non aprirà di certo le porte a dei post chilometrici!

In fondo fu lo stesso Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter, a dichiarare: «La brevità, la velocità e la possibilità di dialogare in tempo reale per noi hanno la priorità».

Antonio Osso